Main Page Sitemap

Case chiuse riapertura




case chiuse riapertura

Allordine del giorno della riunione di oggi del Consiglio comunale di Marrubiu vi è il punto Case di tolleranza.
La riapertura delle case chiuse coinvolgerebbe solo questultima categoria, in quanto non illegale, quindi non risolvendo minimamente la questione della tratta e limitandosi a mettere a posto prostitute milano giorno le pie coscienze.Dietro la prostituzione ci sono persone reali, in grado di decidere per se stesse, che les trois filles d'eve se ne fanno ben poco di tutto questo moralismo finto progressista (quello tradizionalista cattolico è più che sufficiente) che le vorrebbe chiuse dentro una casa di tolleranza senza neanche riconoscerle.Le parole del primo cittadino di Marrubiu sono chiarificatrici di quale sia la logica sottostate ad azioni di questo tipo: riteniamo che la riapertura delle case di tolleranza rappresenti il rispetto della dignità delle donne, non più costrette a stare per strada.Laspetto fondamentale costantemente omesso è che la prostituzione non è riconosciuta come lavoro ma allo stesso tempo non è illegale.Ovviamente, non si afferma che lo Stato debba lucrare sulla vendita del corpo femminile; al contrario, va promossa una campagna di sensibilizzazione culturale verso la sacralità ed il rispetto del proprio corpo.La prostituzione è un tema che non può essere lasciato al degrado, all'illegalità e alla carenza di ogni forma di controllo sanitario che circa mezzo secolo fa furono determinati dalla legge che stabiliva la chiusura delle case chiuse.Nel corso della sua seduta odierna, il Consiglio federale ha adottato la sua presa di posizione su questo disegno di legge, invitando le camere federali a respingerlo.




Questi tentativi abolizionisti, soprattutto nelle loro magre rappresentazioni mediatiche (ci si può realmente aspettare che alti esempi di giornalismo come lUnione facciano uninchiesta dettagliata su questi temi?Quando adottò la nuova legge sulle case da gioco, fu con piena consapevolezza delle conseguenze che il Parlamento rinunciò ad adottare disposizioni transitorie che consentissero agli stabilimenti di Mendrisio e di Herisau di proseguire la loro attività.Questa decisione interverrà entro l'autunno prossimo.Un limbo giuridico nel quale i comuni, che propongono la riapertura delle case chiuse, sperano di sguazzare per sanare i propri bilanci sgocciolanti.Tuttavia, non si può neppure ignorare che la prostituzione, come si dice comunemente in questo caso però a ragione, è davvero "il mestiere più antico del mondo che sempre les trois femmes puissantes analyse è esistito e sempre esisterà.Si tratta di una proposta portata avanti dal sindaco e dalla maggioranza per la discussione di un tema dattualità che possa produrre un documento da inviare al Governo.Non si volevano infatti sfavorire i cantoni che avevano osservato la moratoria sull'autorizzazione di nuovi kursaal promulgata dal Consiglio federale nel 1996.Ma laspetto più grave che queste proposte implicano, oltre alla banalizzazione di un fenomeno complesso, è il non riconoscimento delle e dei sex workers (si, sono principalemente donne, transgender ma anche uomini) come soggetti in grado di autodeterminarsi ed autorganizzarsi, ignorando completamente le rivendicazioni che.Il gettito erariale raccolto poi potrebbe essere destinato, come si accennava sopra, a campagne culturali di sensibilizzazione e di prevenzione verso gli abusi e i reati contro le donne.Lo sfruttamento della prostituzione quello si che è illegale ma, guarda un po, lo è anche la maggior parte delle migrazioni che vanno a rimpolpare le fila delle sfruttate del sesso (le vittime di tratta) che sono dunque due volte private della propria libertà: costrette.Sotto un generalgenerico rispetto della dignità delle donne non vi è neanche il più blando tentativo di camuffare quello che è il reale interesse delle diverse piccole realtà amministrative (principalmente sono proprio i comuni che si fanno promotori delle proposte di abolizione della legge Merlin.
Politica Oltre ha un approccio laico alla Cosa Pubblica.
Discussione sullabolizione della legge Merlin, indirizzo di opinione del Consiglio.




[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap