Main Page Sitemap

Scauri case chiuse


Mappa delle Case Romane del Celio.
L'ingresso alle botteghe avveniva attraverso un portico aperto sul Clivo di Scauro.E la proposta dei consiglieri comunali del Partito Democratico Mimma Nuzzo e Gerardo Stefanelli, contenuta in una lettera inviata ieri mattina al sindaco di Minturno, Paolo Graziano, per sollecitarlo a contattare lAnas al fine di verificare il percorso amministrativo e le condizioni giuridico-economiche relative.19 Esposizione di bolli laterizi Sezione molto interessante è quella dedicata ai bolli laterizi (nella foto 19 ossia l'uso, a partire dall'età imperiale, di apporre bolli sui youtube gogol bordello mishto mattoni con la funzione di veri e propri marchi di fabbrica.Con i successivi interventi venne trasformato in un elegante ninfeo, grazie all'inserimento di nicchie con fontane ancora visibili alla base della parete affrescata.Discesa al limbo, il, cristo nel Sepolcro ed il, sorteggio della veste.L'apertura della strada va attribuita ad un membro della importantissima famiglia degli ".E #39; comodo per raggiungere negozi di ogni genere: edicola, trattoria, pizzeria, pescheria,macelleria, pasticceria, supermercati, farmacia, ecc.La quarta e la quinta fase si identificano nella seconda metà del IV secolo.C., quando la tradizione cristiana colloca in questo luogo l'abitazione dei santi Giovanni e Paolo, come non so dove andare spesso resto chiuso in casa indica anche la targa apposta sopra l'ingresso (nella foto 1).La domus era dotata di un impianto termale al piano terra e di ambienti di soggiorno al piano superiore.Ciascuna bottega era dotata di un soppalco ligneo e di un vano retrobottega.All'interno si possono osservare iscrizioni di varia tipologia ed appartenenza, diversi tipi di anfore da trasporto (I/VII secolo.C.
18 Elementi di un arredo liturgico Degni di nota i tre elementi (nella foto 18) che facevano parte di un arredo liturgico realizzato intorno al 1216 e rimasto in opera all'interno della basilica dei ovanni e Paolo fino al xvii-xviii secolo: probabilmente nell'Ottocento i due.




Trasformata in un vano di servizio il cui uso si protrasse nel tempo, forse fino al VII secolo, come indica la cronologia delle anfore qui ritrovate ed ora esposte nell'Antiquarium.(nella foto 15) raffigurante Cristo fra gli arcangeli Michele e Gabriele ed i ovanni e Paolo, un tempo situato nel medioevale Oratorio del Salvatore, di cui abbiamo parlato in precedenza.Segui Minturnet su Facebook e Twitter per essere sempre aggiornato.Fino al-54, a seconda della stagione 29 richieste già ricevute, annuncio 404.LArchitetto Delogu ci ha espresso la possibilità dellAnas a concedere lutilizzo dellintera area al Comune di Minturno dietro il versamento di un corrispettivo, che potrebbe essere scontato dal Comune attraverso i lavori necessari al ripristino dellimmobile e di tutta larea.16 Lastra funeraria Al centro della sala si trova una lastra funeraria del X japan troie secolo, reimpiegata come pietra tombale e lavorata su entrambi i lati: nella foto 16 possiamo vedere la lastra con la rappresentazione del defunto.Donazione - clicca QUI!Nella parte superiore dell'affresco sono visibili tracce di una raffigurazione a soggetto naturalistico.
L'intera sala era rivestita, sul pavimento e per i primi due metri di altezza delle pareti, da una lussuosa decorazione in opus sectile marmoreo, asportata al momento dell'abbandono degli ambienti, come si può dedurre dalle impronte delle lastre marmoree ancora ben visibili nella porzione.


[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap