Main Page Sitemap

Sfruttamento della prostituzione reato abituale


602quater, il colpevole non può invocare a propria scusa lignoranza delletà minore della persona offesa, salvo che si tratti di ignoranza inevitabile.
La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul.Per sfruttamento si intende approfittare dei proventi ottenuti dall'attività di prostituzione altrui; tale condotta si configura anche nel caso in cui la prostituta ceda spontaneamente il denaro derivante dalla sua attività, purché chi lo riceva sia consapevole della provenienza del denaro, Corte di Cassazione, sentenza.Resta assorbita la più generale ipotesi di " favoreggiamento di cui all'art.Sul tema, va premesso innanzitutto che i reati di favoreggiamento della prostituzione e di abituale tolleranza, nellinterno di un locale pubblico gestito, di unattività di prostituzione non richiedono che lagente presenzi alladescamento o alla pubblica offerta di meretricio, essendo sufficiente la coscienza e la volontà.Consiste nel fatto di chiunque in qualsiasi modo favorisca o sfrutti la Prostituzione altrui ; tratta di persone da destinare alla Prostituzione.Reato, anche questo, eventualmente abituale.




E la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa.Anche la Cassazione, infatti, afferma escort cinesi padova che l'ampia formulazione della previsione di cui all'art.In Pavia, dal marzo al maggio 2001) e, riconosciute circostanze attenuanti generiche con giudizio di equivalenza, lo aveva condannato alla pena di anni uno, mesi quattro di reclusione ed euro.000,00 di multa.2.2 L 'aggravante di cui all'art.Ed applicabile anche nel giudizio di legittimità (vedi Cass., Sez.Avverso tale sentenza ha proposto ricorso., il quale lamenta, sotto i profili della violazione di legge e della carenza e manifesta illogicità della motivazione: - la insussistenza delle fattispecie di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, in relazione alle quali la propria responsabilità sarebbe.
Pen., in "Filodiritto" (m con relativo collegamento ipertestuale.




[L_RANDNUM-10-999]
Sitemap